Le donne accolte nel 2017 dai Centri antiviolenza del Coordinamento Iris

Anche il 2017 è stato un anno intenso per IRIS, il Coordinamento dei Centri Antiviolenza del Veneto, nato nel 2014 per lo scambio e il consolidamento di prassi operative per il contrasto alla violenza sulle donne, e il rafforzamento della capillarità e della diffusione dei servizi offerti alle donne sul territorio Veneto.

Al fine di fornire un’analisi quanto più dettagliata del fenomeno della violenza contro le donne nel territorio di operatività dei Centri Iris, di seguito si analizzeranno i dati rilevati nel 2017.

Rispetto ai valori, è necessario precisare che non è sempre possibile rilevare tutti i dati, a causa della delicatezza delle situazioni, si consideri perciò che nell’elaborazione delle statistiche si terrà conto del valore rilevato.

I 7 Centri hanno ascoltato e sostenuto 1960 donne con 1414 minori. Rispetto al dato rilevato, il 73% delle donne era di nazionalità italiana mentre il 27% di nazionalità straniera.

In riferimento alle tipologie di violenza subite dalle donne è opportuno precisare che spesso più forme di violenza sono coesistenti. 1476 donne hanno riportato di aver subito violenza psicologica, mentre in 1141 casi violenza fisica, e in 547 casi violenza economica. Le donne sostenute dai Centri hanno inoltre riportato di aver subito violenza sessuale in 161 casi, stalking in 185 casi, mobbing in 9 casi, mentre 10 donne hanno subito una forma di segregazione all’interno delle mura domestiche.

Nell’86% dei casi colui che ha agito violenza era un partner o ex partner della donna, mentre si trattava di un familiare nel 7% dei casi, un amico o conoscente nel 5%, o un collega o estraneo alla donna nel restante 2%.

Tre Centri del Coordinamento offrono inoltre un servizio di accoglienza nelle case di fuga, fondamentali per il sostegno alle donne e ai loro figli minori nelle situazioni di maggiore pericolo e emergenza. Nel 2017 sono state accolte nelle case 22 donne con 32 minori.

Il trend dei dati si rivela in costante crescita negli anni, tuttavia non dimostrando un inasprimento della violenza, ma piuttosto un positivo incremento nel numero di donne che trovano la forza di chiedere aiuto per uscire dalla situazione di violenza.

Scarica pdf

Pubblicato in Dati

UNITED: Donne e Uomini uniti

UNITED: Donne e Uomini uniti (personale di Susan Dutton) è la mostra organizzata dall’Associazione Volontarie Telefono Rosa di Verona per illustrare attraverso l’arte il tema della violenza sulle donne, problema sociale sempre più attuale.

INGRESSO LIBERO

Inaugurazione: 2 marzo 2018 ore 18

Dove
Spazio espositivo Chiesa San Pietro in Monastero, Via Garibaldi 3, Verona

La Mostra
Ogni quadro selezionato per questo evento vuole essere un momento di riflessione sulle varie forme di violenza che le donne subiscono durante tutta la loro vita.

La mostra è una vera e propria Via Crucis: quadri ad olio, acquarello e tempera, disegni a incisione, video e bambole di carta ne compongono le 12 tappe.

Il visitatore non dovrà farsi ingannare dai colori usati, né dall’armonia delle opere: i lavori manifestano comunque sempre il disagio che la violenza sulle donne provoca nell’intera società.

Perché UNITED? Perché questo evento vuole essere momento di riflessione per tutti. Solo uniti (UNITED), infatti, è possibile combattere questo grave fenomeno sociale.

L’artista
Susan Dutton: “Sono nata nella California del sud, ho studiato e lavorato in Europa per la maggior parte della mia vita e ora abito a Cremona. Come artista credo che la sola tecnica perfetta e la bellezza in un’opera non bastino. Sono invece convinta che l’arte debba sempre essere veicolo di messaggi per il proprio pubblico: ogni mia opera, infatti, riflette la mia personale esperienza di vita. Inoltre oggi purtroppo si tende a credere che chi è famoso è anche bravo e che chi non si intende di arte non possa interpretare un quadro. L’intento di questa mostra quindi è creare un dialogo con il pubblico attraverso l’arte”.

(Evento inserito nel programma generale della manifestazione “Ottomarzo. Femminile, plurale”, ed. 2018, promossa all’Assessorato Pari Opportunità. Vedi tutti gli eventi)

Si ringrazia SBAV Società Belle Arti Verona per la collaborazione

Pubblicato in news

La Corsa Rosa a Legnago

Ci dai una mano? Vogliamo creare spazi di ascolto e confronto per ragazzi e ragazze.

Ora è possibile iscriversi alla Corsa Rosa (Legnago).

Al momento dell’iscrizione ogni partecipante potrà scegliere a quale Associazione devolvere la quota del biglietto riservata alla beneficienza e tra queste associazioni ci siamo anche noi.

Chi sceglierà Telefono Rosa sosterrà il progetto “Educare al rispetto” pensato per studenti e studentesse di scuole elementari, medie e superiori.

Con il percorso di alfabetizzazione emotiva possiamo prevenire in modo efficace le discriminazioni e la violenza.

Qui tutte le info http://www.uisp.it/verona/pagina/la-corsa-rosa-2018

Come possono aiutarti le volontarie?

come possono aiutarti le volontarie

Se ti trovi in una situazione di difficoltà, perché qualcuno non ti rispetta, ti maltratta, ti minaccia o abusa di te, puoi chiamare il n. 0458015831, per parlare con una volontaria, con esperienza, che ti ascolterà e troverà insieme a te il modo per aiutarti.

Se vuoi, puoi anche rimanere anonima e non fornire i tuoi dati personali; in ogni caso è garantita la tua privacy.

Puoi anche decidere di prendere un appuntamento per una consulenza gratuita, sia di tipo legale che di tipo psicologico; se abiti nella Provincia di Verona puoi incontrare una volontaria o una consulente presso gli sportelli decentrati.

Uscire dalla violenza si può e il Telefono rosa ti può aiutare in questo cammino.

Qui i nostri orari

 

Aiutare la altre e noi stesse

gruppiIl Telefono rosa organizza gruppi di auto mutuo aiuto gratuiti, rivolti alle donne che hanno vissuto situazioni di violenza (fisica, psicologica, economica, sessuale, stalking, molestie).

L’auto mutuo aiuto è un momento d’incontro tra donne unite dallo stesso problema ed è un’occasione per uscire dall’isolamento, per raccontarsi, per condividere informazioni ed esperienze; il confronto con altre donne, che hanno attraversato momenti simili, può aiutare ad affrontare le difficoltà e a scoprire nuove possibilità.

I gruppi sono condotti da una psicologa volontaria del Telefono rosa.


Per informazioni chiama il n.0458015831